Bonus facciate

Con la legge di Bilancio 2020 è stato introdotto il bonus facciate. Si tratta di una detrazione fiscale per le spese documentate, sostenute nell’anno in corso, relative agli interventi edilizi finalizzati al recupero o restauro della facciata degli edifici. 

In particolare, al comma 219 dell’articolo 1 è disposto che “per le spese documentate, sostenute nell’anno 2020, relative agli interventi, ivi inclusi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A o B ai sensi del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, spetta una detrazione dall’imposta lorda pari al 90 per cento”.

Bonus facciate, alcuni requisiti

In base a quanto evidenziato dal comma 220 dell’articolo 1, “nell’ipotesi in cui i lavori di rifacimento della facciata, ove non siano di sola pulitura o tinteggiatura esterna, riguardino interventi influenti dal punto di vista termico o interessino oltre il 10 per cento dell’intonaco della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio, gli interventi devono soddisfare i requisiti di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 26 giugno 2015, pubblicato nel supplemento ordinario n. 39 alla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015, e, con riguardo ai valori di trasmittanza termica, i requisiti di cui alla tabella 2 dell’allegato B al decreto del Ministro dello sviluppo economico 11 marzo 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 66 del 18 marzo 2008. In tali ipotesi, ai fini delle verifiche e dei controlli si applicano i commi 3-bis e 3-ter dell’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90”.

Il comma 221 specifica poi che “ferme restando le agevolazioni già previste dalla legislazione vigente in materia edilizia e di riqualificazione energetica, sono ammessi al beneficio di cui ai commi da 219 a 224 esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi”.

Bonus facciate, i dettagli sulla ripartizione della detrazione

Come sottolineato dal comma 222 dell’articolo 1, “la detrazione è ripartita in dieci quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi”.

Il comma 223 evidenzia poi che “si applicano le disposizioni del regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 18 febbraio 1998, n. 41”. Il comma 224 ricorda infine che “conseguentemente, il Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307, è incrementato di 0,5 milioni di euro per l’anno 2020, di 5,8 milioni di euro per l’anno 2021 e di 3,6 milioni di euro annui dall’anno 2022 all’anno 2030”.

Condividi:

Altri post

CUI PRODEST? La valutazione immobiliare: a chi? Per chi? Da chi? L’idea di questo articolo è nata dopo l’ultima, ennesima

La classe energetica Aumentare il valore della propria casa è possibile! Migliorare la classe energetica del nostro immobile contribuisce ad

Quanto costi? Quanto ti darebbe fastidio se un perfetto sconosciuto guardando la tua busta paga, dicesse: “per quello che fai,

Una casa piena di muffa In tanti anni di attività ne abbiamo viste di tutti i colori: nere, gialle, verdi,